lunedì 29 maggio 2017

Trasporti: terzo giorno di caos per British Airways, altri voli bloccati

Terzo giorno di caos e disagi per la British Airways e i passeggeri che avevano scelto la compagnia per viaggiare dall'aeroporto di Heathrow. Il guasto che ha mandato in tilt il sistema informatico della compagnia di bandiera britannica continua ad avere conseguenze sul traffico aereo dallo scalo di
Londra. 13 voli di corto raggio sono stati cancellati, mentre quelli di lungo raggio dovrebbero essere confermati. British Airways in una nota ha fatto sapere che il sistema informatico "è vicino al ripristino completo" e il direttore esecutivo della compagnia Alex Cruz ha parlato di "un momento orribile per i passeggeri". Nessun responsabile della British, però, ha spiegato esattamente cosa sia successo e perché non abbia funzionato il sistema di back-up, lasciando terra migliaia di persone nel weekend. I costi dei rimborsi e delle spese degli hotel per i passeggeri rimasti bloccati a Londra potrebbero raggiungere decine di milioni di sterline. Ma secondo alcuni esperti la British Airways potrebbe evitare di rimborsare i passeggeri invocando "circostanze straordinarie". La dimensione dell'incidente ha fatto aleggiare l'ombra di un nuovo mega cyberattacco, I computer sarebbero andati in tilt per un guasto elettrico e non per un attacco di hacker, ha precisato la compagnia. La stessa British Airways invita le persone in partenza di controllare lo stato del proprio volo sul sito www.ba.com prima di recarsi in aeroporto. L'emergenza ha investito in particolare Heathrow e Gatwick, i due maggiori scali di Londra, dove i decolli con la sigla BA sono stati annullati tutti fino al termine della giornata di sabato. C'è chi è rimasto ore ad aspettare un'informazione definitiva. E l'effetto a catena è stato globale, con almeno cinque voli rimasti sulla pista pure a Fiumicino e 800 persone costrette a rinviare la partenza.


Via: AskaNews

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...